Views
1 year ago

Piccolo - User & Installation Manual

  • Text
  • Use
  • Heater
  • Appliance
  • Legionella
  • Thermostat
  • Piccolo
  • Installation
  • Manual

a fargli raggiungere gli

a fargli raggiungere gli alloggiamenti del termostato (T fig. 6). Il collegamento elettrico va effettuato direttamente ai morsetti (D fig. 6) del termostato (rispettare la polarità L-N). Per l’esclusione dell’apparecchio dalla rete è anche possibile usare un interruttore bipolare conforme alle normative vigenti (apertura dei contatti min. 3 mm, meglio se provvisto di fusibili). La messa a terra dell’apparecchio è obbligatoria ed il cavo di terra (colore giallo-verde) va fissato all’apposito faston presente sulla resistenza e contrassegnato dal simbolo (PE fig. 6). Bloccare il cavo di alimentazione con l’apposito fermacavo fornito in dotazione. ! Vedi avvertenza rif. 11 Sono vietate prese multiple, prolunghe o adattatori. E’ vietato utilizzare i tubi dell’impianto idraulico, di riscaldamento e del gas per il collegamento di terra dell’apparecchio. L’apparecchio non è protetto contro gli effetti causati dai fulmini. Prima della messa in funzione, controllare che la tensione di rete sia conforme al valore di targa dell’apparecchio e che lo stesso sia pieno d’acqua. Messa in funzione e collaudo Prima di dare tensione, effettuare il riempimento della caldaia con l’acqua di rete. Regolare la manopola (F fig. 6) sulla posizione prescelta, infilare la spina nella presa o posizionare l’interruttore sulla posizione “ON”. Controllare il funzionamento fino alla fine del primo ciclo di riscaldamento, indicato dallo spegnimento della lampada spia. Nella fase di riscaldamento l’espansione dell’acqua può provocare un gocciolamento fuori dal rubinetto: questo fenomeno è normale e non significa che il rubinetto sia guasto. Non stringere i rubinetti per non rovinare le loro guarnizioni. Regolazione della temperatura di esercizio La temperatura dell’acqua può essere prescelta agendo sulla manopola (F fig. 6) ed è regolabile tra 40 ed 80°C circa. E’ consigliata l’impostazione della temperatura dello scaldacqua a 60°C per: - ridurre la formazione di calcare; - ridurre le dispersioni termiche; - evitare rischi di proliferazione batteriologica. Funzione antigelo Qualora, nell’ambiente dove l’apparecchio è installato, si possano raggiungere temperature particolarmente basse, porre la manopola (F fig. 6) nella posizione *. La lampada spia (A fig. 4) rimane accesa durante la fase di riscaldamento. NORME DI MANUTENZIONE (per personale autorizzato) IT ! ATTENZIONE! Seguire scrupolosamente le avvertenze generali e le norme di sicurezza elencate all’inizio del testo, attenendosi obbligatoriamente a quanto indicato. Tutti gli interventi e le operazioni di manutenzione debbono essere effettuati da personale abilitato (in possesso dei requisiti richiesti dalle norme vigenti in materia). Prima di effettuare qualsiasi intervento di manutenzione e/o sostituzione di componenti, scollegare l’apparecchio dalla rete elettrica scollegando la spina dalla presa o tramite l’interruttore esterno; se necessario, svuotare lo scaldacqua. ! Vedi avvertenza rif. 20 - 26 - 28 Eventuali sostituzioni di particolari Per accedere alle parti elettriche (resistenza, termostato, lampada spia) rimuovere il coperchio C svitando le viti D (fig. 4). Per intervenire sul termostato occorre scollegarlo dalla rete elettrica e sfilarlo dalla sede sulla resistenza. Per intervenire sulla resistenza bisogna svitare i bulloni (A fig. 6) con una chiave esagonale da 10 mm. Durante la fase di rimontaggio prestare attenzione affinché le posizioni della guarnizione della flangia, del termostato, della resistenza e dei tubi (nella loro sede) siano quelle originali. Dopo ogni rimozione della flangia è consigliabile la sostituzione della guarnizione. Al termine delle operazioni citate e prima di dare tensione, assicurarsi che l’apparecchio sia pieno d’acqua. 9

IT Manutenzioni periodiche Dopo ogni anno di servizio, è necessario effettuare le seguenti operazioni: - svuotare l’apparecchio e smontare la flangia; - eliminare con cautela il calcare dagli elementi della resistenza; se non si vogliono utilizzare acidi adatti allo scopo, questa operazione può essere effettuata sbriciolando la crosta di calcare con oggetti non metallici, prestando attenzione a non danneggiare la corazza della resistenza; - dopo ogni rimozione della flangia è consigliabile la sostituzione della guarnizione. Per il rimontaggio della resistenza, la coppia di serraggio dei bulloni (A fig. 6) deve essere compresa tra 7 e 10 N/m. E’ obbligatorio rispettare il serraggio di tipo “incrociato”. Al termine delle operazioni citate e prima di dare tensione, assicurarsi che l’apparecchio sia pieno d’acqua. Riattivazione sicurezza bipolare In caso di surriscaldamento anormale dell’acqua, un interruttore termico di sicurezza, conforme alle norme CEI-EN, interrompe il circuito elettrico su entrambe le fasi di alimentazione della resistenza. Per riattivare il funzionamento dell’apparecchio operare come segue: - lasciarlo raffreddare; - ruotare la manopola (F fig. 6) nella posizione di massima temperatura; - rimuovere il coperchio C svitando le viti D (fig. 4); - scollegare il termostato (T fig. 6) dalla rete elettrica; - effettuare, mediante un cacciavite a croce, una pressione sul punto A fig. 9 fino a sentire uno scatto. Per il rimontaggio, operare in senso inverso, prestando particolare attenzione al corretto posizionamento dei componenti. Al termine delle operazioni citate e prima di dare tensione, assicurarsi che l’apparecchio sia pieno d’acqua. NORME D’USO PER L’UTENTE ! ATTENZIONE! Seguire scrupolosamente le avvertenze generali e le norme di sicurezza elencate all’inizio del testo, attenendosi obbligatoriamente a quanto indicato. Raccomandazioni per l’utente - Evitare di posizionare sotto lo scaldacqua qualsiasi oggetto e/o apparecchio che possa essere danneggiato da una eventuale perdita d’acqua. - In caso di inutilizzo prolungato dell’acqua è necessario: togliere l’alimentazione elettrica all’apparecchio portando l’interruttore esterno in posizione “OFF”; chiudere i rubinetti del circuito idraulico. - L’acqua calda con una temperatura oltre i 50°C ai rubinetti di utilizzo può causare immediatamente serie bruciature o morte per ustioni. Bambini, disabili ed anziani sono esposti maggiormente al rischio di ustioni. - E’ vietato all’utente eseguire manutenzioni ordinarie e straordinarie sull’apparecchio. - Prima di chiedere l’intervento dell’Assistenza Tecnica per un sospetto guasto, verificare comunque che il mancato funzionamento non dipenda da altre cause quali, ad esempio, temporanea mancanza di acqua o di energia elettrica. ! ! ! ! ! ! Vedi avvertenza rif. 1 - 2 - 3 Vedi avvertenza rif. 4 – In caso di sostituzione del cavo di alimentazione elettrica, rivolgersi a personale qualificato. Vedi avvertenza rif. 5 - 6 - 8 Vedi avvertenza rif. 21 - Per la pulizia delle parti esterne è necessario un panno umido imbevuto di acqua saponata. Vedi avvertenza rif. 21 - Per la pulizia delle parti esterne è necessario un panno umido imbevuto di acqua saponata. Vedi avvertenza rif. 22 - 23 Funzionamento L’accensione dello scaldacqua si effettua inserendo la spina nella presa o agendo sull’interruttore bipolare. La lampada spia (A fig. 4) rimane accesa solo durante il ciclo di riscaldamento; in questa fase l’espansione dell’acqua può provocare un gocciolamento fuori dal rubinetto: questo fenomeno è normale e non significa che il rubinetto sia guasto. Non stringere i rubinetti per non rovinare le loro guarnizioni. 10